Ludmilla Karadzic

Quello che conta è che lei, con il supporto di un avvocato, riesca ad ottenere un decreto ingiuntivo. Se il giudice riterrà la scrittura privata sufficiente a provare l'esistenza del credito, emetterà un decreto ingiuntivo nei confronti del debitore. Se il debitore non proporrà opposizione all'ingiunzione nei termini previsti, lei potrà precettarlo chiedendo indietro i soldini e successivamente pignorargli lo stipendio. Naturalmente, lei dovrà arrivare prima della banca.

La banca, dal canto suo, potrebbe denunciare la simulazione del contratto di prestito. Ma non è sufficiente richiamare la parentela fra i sottoscrittori della scrittura privata. La banca dovrebbe provare la simulazione.

Perché di contenziosi giudiziali fra fratelli, per motivi di interesse, ne sono piene le aule dei tribunali.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.