Annapaola Ferri

Il creditore può esercitare azione revocatoria degli atti (nello specifico la donazione) posti in essere dal debitore quando riesce a farli dichiarare inefficaci nei suoi confronti, dimostrando che tali atti sono unicamente finalizzati a sottrarre il patrimonio del debitore dalle procedure di riscossione coattiva.

L'azione revocatoria si prescrive in cinque anni dalla data dell'atto.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.