Ludmilla Karadzic

Nella procedura di espropriazione di un bene immobile indiviso (pignoramento e vendita all'asta) il giudice, nel tentativo di tutelare il proprietario non debitore, propone innanzitutto la vendita della quota di proprietà del debitore. E, certamente, lei potrebbe acquistare i 3/4 di proprietà di suo padre.

Ove questo tentativo non avesse successo, il giudice valuta la disponibilità del proprietario non debitore ad accollarsi le spese per la divisione del bene, ove questa risultasse fattibile e, quindi, procede alla vendita all'asta della sola parte del bene di proprietà del debitore.

Solo come ultima ratio viene disposta la vendita dell'intero bene. Il ricavato è ripartito fra i proprietari dell'immobile espropriato ed il proprietario non debitore può poi chiedere il risarcimento danni nella misura calcolata fra la differenza del valore commerciale della quota e l'importo effettivamente incassato.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.