Simone di Saintjust

Nelle situazioni familiari come la sua è difficile fornire consigli. Pertanto mi astengo.

Lei, comunque valuta l'ipotesi di rinunciare all'eredità e di donare la sua quota ad uno degli altri eredi.

Ora, se la massa debitoria è superiore al valore del bene, lei eredita dei debiti, e dunque non ha nulla da donare. In questo caso, se lei rinuncia, il creditore può accettare l'eredità in sua vece.

Se invece c'è comunque un attivo, ecco, allora sì, potrà donare quello che resta.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.