Simone di Saintjust

Si tratta semplicemente di pagare la sanzione amministrativa che viene irrogata a chi emette assegni bancari o postali senza provvista, a vuoto o scoperti per capirci.

Per gli assegni senza provvista si applica la sanzione amministrativa pecuniaria variabile da 516,45 a 3.098,74 euro. Se l'assegno supera i 10.329 euro, e in tutti i casi di reiterazione, la sanzione varia da 1.032,92 a 6197,48 euro.

Per gli assegni senza autorizzazione le sanzioni variano da 1.032,92 a 6.197,48 euro. Se l'assegno supera i 10.329 euro, e in tutti i casi di reiterazione, le sanzioni variano da 2.065,82 a 12.394,96 euro.

Tutte le sanzioni vengono applicate dal Prefetto (per questo motivo entra in gioco il Ministero dell'Interno) che ne decide l'entità a seconda della gravità dell'illecito, della sua eventuale reiterazione e dell'importo dell'assegno.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.