Simone di Saintjust

Le affermazioni del dichiarante circa l'asserita impossibilità a sostenere il canone d'affitto si verificano attraverso la presentazione della dichiarazione DSU/ISEE.

La produzione dei CUD dei figli percipienti reddito, può presumibilmente essere animata da una buona intenzione: quella di escludere redditi in nero per il dichiarante che paga un canone di locazione senza disporre di sufficiente reddito.

Comunque, i figli non conviventi (aventi residenza anagrafica diversa da quella del dichiarante) con reddito proprio e pertanto neanche "teoricamente" riconducibili a carico fiscale del dichiarante, non rientrano nel nucleo familiare del dichiarante e, pertanto, non contribuiscono alla formazione del reddito familiare del nucleo.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.