Marzia Ciunfrini

Evidentemente, quando è rimasta indietro con il canone di affitto, il proprietario ha incaricato il commercialista di attivare una società di recupero crediti trasmettendo, necessariamente, i suoi dati.

Le amnesie successive sono frutto di atteggiamenti di circostanza. Del resto, l'accordo sul piano di rientro è avvenuto solo verbalmente via telefono e dunque manca la documentazione probante che l'agenzia di recupero crediti sia stata attivata quando lei non poteva più essere considerata debitrice insolvente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.