Loredana Pavolini

Si tratta di una tecnica comune a molti operatori di società di recupero crediti. Pressione psicologica o, più "tera tera", sputtanamento del debitore.

Va bene fino a quando non incontrano qualcuno che sporge regolare denuncia all'Autorità Giudiziaria e segnala la società al Garante della Privacy.

Ma, credo, che alla fine abbiano ragione loro. L'impunità per gli abusi e le violazioni della privacy è pressoché totale, in quanto sono poche le vittime che reagiscono e passano dalle parole ai fatti.

Basta leggere questa storia, verissima, per sapere che fine fa l'agente scorretto. E mi chiedo, spesso, quante denunce ci sarebbero se il debitore sapesse che poi, per evitare ulteriori grane, il credito viene quasi sempre classificato come inesigibile (insomma, va in cavalleria ..).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.