Simone di Saintjust

Mi ascolti bene signora. Ogni volta che squilla il telefono o il cellulare lei, con la mano destra regge la cornetta o l'apparecchio (suppongo non sia mancina) mentre con l'indice ed il pollice della mano sinistra si tappa il naso e strilla "Brondo!".

Se sente l'avvocato del recupero crediti che cerca di attaccare la solita tiritera dell'azionamento del credito, continua così "Mi disbiage, ma la signora che abidava qui è andada bia. La brobrietaria della baracca l'ha buddada fuori berché non bagava affitto".

Se invece dall'altra parte si accorge che c'è un parente o un conoscente gli dice che ha un raffreddore bestiale. Può essere verosimile. Il freddo c'è e a Roma pure nevica.

Mi creda, signora, non c'è altro da fare.

Cercano di portarla alla disperazione e di intimorirla. Sono bravissimi a percepire l'apprensione del debitore dall'altra parte del filo. Se lei si lascia convincere a firmare assegni post datati o cambiali, non dovranno passare dal giudice, con quegli effetti che sono titoli esecutivi, per pignorarle conti correnti, indennità di mobilità INPS e quanto dovrà ricevere dalla curatela fallimentare dell'azienda presso la quale lavorava insieme a suo marito.

E, per quanto cianci e minacci la presunta avvocatessa di turno al call center di adire le solite vie legali, questi signori dal giudice non si presentano quasi mai. Primo perché costa e secondo, cosa più importante, non hanno le carte in regola: manca quasi sempre la documentazione e gli interessi applicati sono spesso usurai. Per ogni lettera o per una telefonata pretendono e addebitano 500 euro per spese legali. Va bene che viviamo in un paese dove la giustizia è un optional, ma quale giudice potrebbe assegnare un valore aggiunto professionale di 500 euro ad un comunissimo prestampato?. Semplice carta straccia macchiata d'inchiostro!

Mi ascolti e, a parte la battuta iniziale per sdrammatizzare la situazione (la leggo molto provata), trovi, sul serio, il modo di non parlare più con questa gente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.