Stefano Iambrenghi

Il testamento non risolve, se non per la quota riservata (1/4 dell'intero in caso di coniuge e due figli - 1/3 in assenza di coniuge). Lei non può essere escluso dall'eredità disponibile.

La quota di patrimonio ereditario a lei spettante come erede legittimo, inoltre, deve prendere in considerazione, ai fini della determinazione della quota, anche eventuali donazioni effettuate in vita dal soggetto deceduto.

Il problema è che a lei è stata conferita liquidità dai suoi genitori senza un formale atto di donazione.

Per rimettere le cose a posto, non volendo creare problemi al fratello, va seguita la medesima soluzione: vendita della casa a terzi (magari con riserva di usufrutto) e trasferimento del ricavato da genitori a fratello.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.