Tullio Solinas

Molti sono i soggetti, singoli contribuenti e piccole medie imprese, che vantano crediti da privati e che risultano, contemporaneamente, essere debitori dell'Agenzia delle Entrare, dell'INPS e della PA in generale.

Si tratta di importi accertati da sentenze passate in giudicato (e dunque definitivamente esecutive), decreti ingiuntivi, e titoli, di credito e di pagamento, già esecutivi (cambiali ed assegni protestati).

Ma non è possibile chiedere rateizzazioni ad Equitalia condizionate dal rimborso di tali crediti.

Certamente, invece, può indirizzare Equitalia verso il pignoramento del suo debitore. Peraltro il soggetto direttamente esecutato deve, per legge, indicare al creditore eventuali crediti vantati nei confronti di terzi.

Ma sarà sempre Equitalia a decidere, autonomamente, le procedure più efficaci per l'azione esecutiva e dunque chi, fra lei ed i suoi debitori, escutere.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.