Simonetta Folliero

Il suo avvocato ha già avviato le azioni esecutive, tanto è vero che l'ufficiale giudiziario ha eseguito un pignoramento, presumibilmente infruttuoso, presso la residenza del debitore.

Molto probabilmente chi l'assiste legalmente ha già effettuato, con esito negativo, le visure ipocatastali finalizzate ad accertare la presenza di beni immobili nella disponibilità del debitore.

Non resta che affidarsi ad una seria agenzia investigativa per conoscere presso quale banca il debitore ha un conto corrente o presso quale azienda svolge attività di lavoratore dipendente.

Certamente ci saranno delle ulteriori spese da sostenere, ma un giudizio sulla convenienza economica di una tale operazione può darla solo lei che conosce l'importo da riscuotere dal suo ex socio.

Del resto non c'è poco altro da fare. O si mette l'anima in pace, considerando il credito inesigibile, oppure si affida ad agenti di recupero crediti come Alberto, che pare abbia un metodo infallibile per costringere i debitori a pagare.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.