Andrea Ricciardi

La cartella di pagamento avente ad oggetto l'omesso o insufficiente versamento di tributi non deve essere necessariamente preceduta da alcuna comunicazione. Detto obbligo, infatti non è previsto a pena di nullità dall'art. 36 bis, D.P.R. 600/1973, né dall'art. 6, co. 2, L. 212/2000 (C.Cass. ord. n. 22035 del 28 ottobre 2010).

Ne discende che sarebbe perfettamente inutile proporre un ricorso sulla corretta notifica di un avviso bonario o, come pare in questo caso, sull'eventuale omesso invio di raccomandata informativa inerente la giacenza della comunicazione presso l'ufficio postale.

Per di più, una volta verificata l'esistenza di una relata che certifica la notifica al destinatario temporaneamente irreperibile come perfezionata per compiuta giacenza, per opporsi alla cartella esattoriale - adducendo l'omessa notifica dell'avviso bonario - sarebbe necessario innanzitutto procedere con querela di falso.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.