Loredana Pavolini

Abbiamo finora parlato di composizione del nucleo familiare per quel che riguarda eventuali Dichiarazioni Sostitutive Uniche ISEE sottoscritte da lei o dal suo futuro marito, dopo che il matrimonio sarà celebrato. Ed abbiamo scritto che se si sceglie come residenza coniugale quella del futuro marito, allora il nucleo familiare è dato da quello attuale del futuro marito, più la futura moglie, la figlia sedicenne della futura moglie ed il figlio maggiorenne della futura moglie.

Le detrazioni IRPEF sono altra cosa. Le detrazioni IRPEF possono essere ottenute per i figli anche non conviventi ed anche non appartenenti al medesimo nucleo familiare.

Il dubbio però sorge a me, perchè quando si pone una domanda su argomenti che non si conoscono, bisognerebbe indicare tutti gli elementi, anche quelli che sembrano irrilevanti, per dar modo a chi replica di fornire una risposta corretta ed affidabile.

Sua figlia, essendo minorenne, farà parte del nucleo familiare del genitore con cui convive, anche se è a carico IRPEF dell'altro genitore. L'altro genitore continuerà a fruire delle detrazioni IRPEF.

Per suo figlio maggiorenne bisognerà sapere, invece, se è a carico del padre. In questa evenienza farà parte del nucleo familiare del padre.

E' importante saperlo perchè in un nucleo familiare non contano solo i soggetti che apportano reddito, ma anche quelli che reddito non hanno. Il numero totale dei componenti, infatti, influenza il valore dell'ISE del nucleo familiare.

Per quanto riguarda gli assegni familiari bisogna tener conto che essi vengono erogati sulla base della composizione del nucleo familiare e che i figli nati da precedente matrimonio del coniuge sono equiparati ai figli propri. Pertanto il futuro marito potrà ottenere l'assegno familiare per la figlia sedicenne nata dal precedente matrimonio della moglie.

Per far questo tuttavia c'è bisogno di apposita autorizzazione da presentare all'INPS. La stessa che il suo precedente marito ha dovuto presentare per fruire comunque dell'assegno familiare per la figlia sedicenne che, dopo il divorzio e la separazione, già non faceva più parte del proprio nucleo familiare.

Ciò che conta è che, in un modo o nell'altro, lei continuerà a fruire l'assegno familiare per la figlia sedicenne.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.