Stefano Iambrenghi

Purtroppo, la trattenuta del quinto va applicata allo stipendio al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo di una eventuale cessione del quinto e/o di un prestito delega.

Inoltre, la somma della quota pignorata (250) con quella relativa alla cessione (200) non eccede la metà dello stipendio netto (650): ed è questa la sola cosa che conta.

Nel suo caso, pertanto, la decurtazione effettuata rientra nella norma. Il suo datore di lavoro, per concludere, non può opporsi ad un ordine del giudice.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.