Ornella De Bellis

Il Prefetto può irrogare la sanzione amministrativa per emissione di assegno privo di copertura entro cinque anni dalla presentazione del titolo allo sportello.

Il soggetto delegato all'emissione di assegni tratti sul conto corrente, ha l'obbligo di verificare, prima di sottoscrivere il modulo, che vi sia copertura sufficiente ad assicurarne il pagamento. E, risponde personalmente dell'illecito amministrativo senza poter addurre, come motivazione a discolpa, eventuali direttive ricevute dal soggetto titolare del conto corrente.

Il segmento della Centrale di Allarme Interbancaria (CAI) che registra le segnalazioni di revoca dalla facoltà di emettere assegni bancari e postali è diverso da quello preposto alle segnalazioni relative all'utilizzo scorretto di carte di credito.

Morale della favola: durante i 24 mesi in cui non potrà sottoscrivere moduli di assegno le sarà concesso, invece, l'utilizzo della carta di credito.

Per poter impugnare le sanzioni prefettizie innanzi al giudice di pace bisogna avere delle motivazioni che lei, a quanto ci riporta, non ha assolutamente.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.