Ludmilla Karadzic

In generale, se la variazione del rapporto di lavoro comporta anche la perdita dei requisiti di partecipazione al fondo pensione precedentemente scelto, la posizione già maturata può essere mantenuta nel fondo pensione originario (anche senza effettuare nuovi versamenti), riscattata definitivamente o trasferita ad un nuovo fondo pensione (ipotesi da escludere se la nuova azienda è di diritto estero).

Il riscatto totale è possibile esclusivamente nei casi di licenziamento (ma, in tale circostanza, il fondo deve prevedere esclusivamente adesione collettiva) o di disoccupazione oltre i 48 mesi.

La liquidazione del 50% del montante accumulato in forma di capitale può essere chiesta solo dopo aver raggiunto i requisiti per la pensione obbligatoria e potendo far valere almeno cinque anni di partecipazione alla previdenza complementare.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.