Giorgio Valli

La legge stabilisce quando un illecito fiscale è punibile con una sanzione amministrativa (ammenda) o penale (multa o carcere). E spesso la soglia è quantitativa: dipende cioè da quanto si evade.

Ad esempio la dichiarazione fraudolenta riguardo ad IRPEF, IRES e IVA, integra attualmente un reato (reclusione da 1 anno e sei mesi a sei anni) se l'imposta evasa è superiore a 30 mila euro oppure se il reddito non dichiarato supera il 5% del totale.

In caso di dichiarazione omessa, sempre riguardo ad IRPEF, IRES, IVA, qualora l'imposta evasa risulti superiore a 50 mila euro, è prevista la reclusione da 1 a 3 anni.

Concludendo, la circostanza di risultare nullatenenti non costituisce garanzia di impunibilità in precise e determinate fattispecie di elusione o evasione fiscale. Il suggerimento è allora quello di approfondire, insieme ad un esperto, il contenuto degli accertamenti fiscali che hanno dato luogo alle cartelle esattoriali, senza sottovalutare la questione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.