Ludmilla Karadzic

Ai conviventi di un debitore (i soggetti cioè che sono compresi nello stesso stato di famiglia del debitore) l'unica conseguenza che può derivare è il pignoramenti presso la residenza.

Vige, infatti, il principio legale di presunzione di proprietà: in pratica, il debitore viene considerato proprietario di tutto quanto è presente presso la casa che abita. In caso di visita, da parte dell'ufficiale giudiziario, nell'appartamento occupato dal debitore, l'effettivo proprietario deve successivamente affidarsi ad un avvocato e chiedere al giudice delle esecuzioni la liberazione dei beni pignorati dimostrandone la proprietà con fatture o altre prove.

Va anche detto che Equitalia procede al pignoramento presso la residenza del debitore solo se ha ragionevole probabilità di rinvenirvi oggetti di antiquariato, quadri d'autore, gioielli, denaro eccetera.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.