Ornella De Bellis

Russia e Dubai non sono al momento compresi nella lista degli stati esteri (prevalentemente appartenenti all'Unione Europea) con i quali l'Italia ha sottoscritto accordi per lo scambio di informazioni e per l'assistenza diretta nel recupero crediti di tipo esattoriale.

Ciò non esclude, tuttavia, che Equitalia, previo accordo con il creditore (Agenzia delle Entrate), possa ritenere economicamente conveniente affidare la riscossione coattiva degli importi iscritti a ruolo ad uno studio legale operante nel paese estero in cui risiede il debitore: tutto dipende dall'entità dei debiti esattoriali lasciati in Italia e dai beni acquisiti ed espropriabili in terra straniera.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.