Ludmilla Karadzic

La sua esposizione e le relative, logiche, conclusioni non fanno una piega: è a lei, in qualità (anche) di beneficiaria dell'assegno, che spetta l'importo della penale e dei relativi interessi.

Ora, una delle tre procedure con cui può avvenire il pagamento tardivo dell'assegno prevede il versamento direttamente nelle mani del portatore del titolo, cioè lei.

Pertanto, senza tanti giri di danaro, lei può firmare la quietanza in qualità di portatore del titolo; come traente (sic) indicherà in essa il dettaglio delle somme pagate.

La sottoscrizione della quietanza deve essere autenticata. Trattandosi di atto negoziale privato, da valere nei confronti di un soggetto privato (la banca), l'autenticazione può essere effettuata solo dal notaio.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.