Marzia Ciunfrini

Bisogna presentare istanza di revoca della rateazione: naturalmente questa operazione deve essere concessa a richiesta del debitore e non può non comportare un risparmio equivalente allo sgravio degli interessi e delle spese di esazione computati nel piano di rateazione a suo tempo consegnato.

Non può essere altrimenti: qualsiasi diversa indicazione fornita dagli addetti (ad esempio, l'asserita, paradossale ipotesi per la quale l'estinzione anticipata comporterebbe un esborso maggiore di quello complessivamente dovuto pagando le rate residue) va formalizzata, sempre a fronte di precisa richiesta del debitore, per iscritto. A futura memoria!

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.