Simonetta Folliero

Se la carta prepagata è dotata di IBAN (come si presume, dal momento in cui lei dichiara di ricevere accrediti) è necessaria la notifica di un nuovo pignoramento: il creditore, comunque, può avviare più azioni esecutive contemporanee finalizzate ad ottenere il rimborso del debito.

Il pignoramento della carta prepagata ed il conseguente blocco di accrediti e prelievi si protrarrebbe fino al provvedimento di assegnazione al creditore procedente, disposto dal giudice, delle disponibilità rinvenute.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.