Ornella De Bellis

Le visite domiciliari dei funzionari che prestano servizio presso le società di recupero crediti non possono essere disposte unilateralmente dal creditore, ma devono essere concordate con il debitore.

Per interrompere questa pessima pratica è sufficiente non consentire l'accesso ai soggetti che si presentano a casa propria, e inoltrare una diffida alla società di recupero crediti che dispone la visita domiciliare.

Gli accordi di pagamento vanno concordati in ogni dettaglio, per iscritto, e non verbalmente, quasi al 100%. Gli eventuali pagamenti vanno effettuati con bonifico su conto corrente intestato alla società creditrice, e non versati in contanti al primo che passa.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.