Paolo Rastelli

Non è possibile fissare un termine di avvio dell'azione esecutiva una volta decorsi i 60 giorni utili (per il pagamento o per l'istanza di rateizzazione) dalla data di notifica della cartella esattoriale.

L'unico evento che Equitalia deve monitorare costantemente è quello relativo alla prescrizione quinquennale del debito contributivo portato in cartella esattoriale. Per questo invia periodicamente al debitore un avviso di intimazione al pagamento, la cui notifica svolge la funzione di interrompere i termini di prescrizione.

Per il resto, l'avvio effettivo dell'azione esecutiva dipende dai carichi di lavoro, dalle priorità assegnate ai funzionari di Equitalia preposti alla riscossione coattiva, nonché dalla facilità con cui è possibile venire a conoscenza dei beni del debitore da sottoporre fruttuosamente a pignoramento, fermo amministrativo o iscrizione ipotecaria.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.