Annapaola Ferri

Raccogliamo e pubblichiamo la sua testimonianza non mancando di rilevare, insieme a lei, la stranissima circostanza dell'iscrizione ipotecaria avvenuta dopo 14 anni dall'avvio dell'azione esecutiva nei confronti del debitore alienante l'immobile da lei acquistato.

In ogni caso, se la trascrizione dell'ipoteca era preesistente (seppur di venti giorni) a quella di trasferimento di proprietà in suo favore, il notaio aveva l'obbligo di rilevarla e rimettere in discussione un rogito basato su una situazione affatto diversa da quella prospettata in atti.

Il notaio andrebbe citato giudizialmente per risarcimento danni.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.