Simone di Saintjust

In linea generale il nucleo familiare per l'accesso alle prestazioni per il diritto allo studio universitario va identificato con il nucleo familiare di riferimento dello studente, indipendentemente dalla residenza anagrafica eventualmente diversa da quella del nucleo familiare di provenienza.

Stante il dispositivo di affidamento del Tribunale, il nucleo familiare di riferimento è dunque, nel suo caso, quello dei soggetti a cui fu a suo tempo affidato, considerato che lei non è in grado di attestare una adeguata capacità di reddito per poter presentare una dichiarazione sostitutiva unica come studente indipendente.

Tuttavia, lei riferisce di non avere alcun rapporto, affettivo ed economico, con le persone a cui fu affidato.

La situazione si può allora risolvere rivolgendosi ai servizi sociali del Comune di residenza anagrafica, con istanza diretta ad accertare l'insussistenza di qualsiasi rapporto affettivo ed economico fra lei e la famiglia affidataria (ed eventualmente anche fra lei ed i suoi genitori naturali).

E' sufficiente, di solito, una apposita dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà, corredata dal suo attuale stato di famiglia e dalla copia del provvedimento del Tribunale.

Solo a seguito dell'istruttoria condotta dall'assistente sociale, anche con l'eventuale ausilio della polizia municipale, e previa relazione, il dirigente del settore certificherà l'eventuale stato di estraneità in termini di rapporti affettivi ed economici con il nucleo familiare di origine.

Completata questa procedura, potrà presentare una DSU/ISEE come se risultasse, in pratica, orfano.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.