Paolo Rastelli

Equitalia può rifiutare la dilazione se l'importo a debito è superiore a 50 mila euro (in questa evenienza la normale istanza deve essere accompagnata da una serie di documenti aggiuntivi per dimostrare la situazione di temporanea difficoltà , come l'Isee per le persone fisiche).

Equitalia può rifiutare la dilazione se il debitore è già decaduto dal beneficio non avendo adempiuto ad un precedente piano di rientro.

Equitalia può rifiutare la dilazione se l'istanza è riferita all'importo iscritto a ruolo relativo ad una specifica cartella esattoriale, mentre il debitore ha altre pendenze con la PA che hanno dato luogo alla notifica di altre cartelle esattoriali.

Volendo ricorrere al diniego di rateazione il giudice competente dipende dalla natura del credito iscritto a ruolo.

Il provvedimento di rigetto dell'istanza di rateazione di un debito tributario può essere impugnato mediante ricorso alla Commissione tributaria provinciale, territorialmente competente.

In proposito la Cassazione ha confermato la competenza (o meglio la giurisdizione) delle commissioni tributarie per tali atti, a nulla rilevando che la decisione sull'istanza di rateizzazione debba essere assunta in base a considerazioni estranee alle specifiche imposte o tasse (Cassazione, Sezioni Unite, ordinanza del 7 ottobre 2010, numero 20781).

Dopo queste premesse accademiche va rilevato che nel caso da lei esposto non siamo in presenza di un provvedimento esplicito di rigetto dell'istanza, e sarebbe anche inutile richiamare un eventuale "silenzio assenso", decorsi i 90 giorni dalla proposizione dell'istanza, dal momento che sarebbe comunque necessario disporre di un piano di rateazione concordato.

Il suggerimento, pertanto, è quello di chiedere informazioni dettagliate sulla pratica di rateizzazione allo sportello Equitalia più vicino oppure contattare il numero verde gratuito da telefono fisso 800 178 078 (da telefono cellulare o dall'estero bisogna contattare lo 02 3679 3679) che offre assistenza con operatore dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 18.00.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.