Tullio Solinas

Il giudice si limita a quantificare l'importo dell'assegno di mantenimento oppure omologa l'accordo consensuale raggiunto dai coniugi.

L'assegno di mantenimento, così determinato, non influisce assolutamente sulla capienza residuale in un eventuale pignoramento dello stipendio; capienza che resta ancorata alla metà della retribuzione mensile al netto di tasse e contributi.

Perchè venga limitata la capienza residuale in successivi pignoramenti dello stipendio è necessario che il coniuge separato beneficiario promuova, a fronte di inadempimento del coniuge separato obbligato, un'azione esecutiva, nei confronti di quest'ultimo.

Solo dopo il pignoramento presso il datore di lavoro, la capienza residuale rispetto a successivi eventuali pignoramenti dello stipendio risulterà pari alla differenza fra la metà della retribuzione netta mensile e l'importo pignorato dal coniuge beneficiario insoddisfatto.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.