Stefano Iambrenghi

Per l'accesso al beneficio della sospensione del pagamento delle rate relative alla quota capitale dei prestiti, per una durata non superiore a 12 mesi, è previsto testualmente, come requisito per il debitore, che quest'ultimo debba essere stato interessato dalla sospensione o riduzione dell'orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni.

Successivi interpelli sull'accordo, sottoscritto nel marzo 2015 tra ABI e Associazioni dei consumatori, hanno chiarito, altresì, che la riduzione dell'orario di lavoro debba intendersi intervenuta per almeno 30 giorni consecutivi.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.