Chiara Nicolai

Purtroppo il creditore, dopo che il giudice avrà ricevuto la dichiarazione del terzo (il datore di lavoro) e verificata l'inesistenza di altri pignoramenti di tipo ordinario in corso, autorizzerà il prelievo di 160 euro al mese dal suo stipendio.

Non incideranno sulla misura che sarà adottata eventuali obblighi che insistono sul debitore (affitto, mutuo, rimborso finanziamenti) diversi dal pignoramento per la stessa tipologia di credito (nella fattispecie, ordinario).

Mi spiace.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.