Roberto Petrella

L'effetto dell'accettazione dell'eredita con beneficio d'inventario consiste nel tenere distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede. L'erede accettante con beneficio d'inventario non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari oltre il valore dei beni a lui pervenuti.

Il valore del negozio ricevuto in eredità rappresenta il limite massimo dei debiti ereditari che lei è obbligato a rimborsare ad Equitalia. Lei può vendere il negozio e pagare il debito fino ad occorrenza del ricavato: si tratta comunque di un'opzione caldamente sconsigliata perché il creditore potrebbe sempre eccepire che la vendita è stata effettuata sotto costo o dissimulata. Se con il ricavato della vendita del negozio riuscisse a rimborsare completamente il debito, bene; altrimenti meglio sarebbe rinunciare.

In nessun modo, invece, lei può procedere a permute o arbitraggi con il cespite che fa parte dei beni inventariati. Ciò comporterebbe, infatti, la confusione del suo patrimonio con quello del defunto e l'accettazione tacita dell'eredità con l'obbligo conseguente di rimborsare il credito per cui agisce Equitalia senza alcun limite e nella sua interezza.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.