Giovanni Napoletano

Nel 2013 il Tar Lombardia aveva annullato la delibera dell'Autorità per l'Energia elettrica e il Gas (AEEG), successivamente reintrodotta dal Consiglio di Stato.

Ai fini della determinazione del credito fatturato come C-MOR (Corrispettivo MORosità), possono essere considerate tutte le fatture non pagate che abbiano contabilizzato consumi di energia elettrica, o parte di consumi, relativi agli ultimi 3 mesi di erogazione del servizio.

Il cliente troverà contabilizzato il C-MOR sulla bolletta elettrica emessa dal nuovo fornitore nella forma seguente In questa bolletta Le viene addebitato per conto di un Suo precedente venditore il “Corrispettivo CMOR”, a titolo di indennizzo, per il mancato pagamento di una o più bollette.

Naturalmente, se la morosità si è protratta per più di tre mesi, il credito residuo non rimborsabile attraverso il C-MOR, dovrà essere recuperato dalla Edison attraverso le consuete procedure di recupero crediti. Ecco perchè lei, contestualmente al pagamento del C-MOR versato al nuovo fornitore, è oggetto anche delle continue attenzioni del contact center incaricato da Edison (o della società di recupero a cui Edison ha ceduto il credito residuale).

Per ulteriori informazioni sulla modalità di ripartizione degli importi a debito (C-MOR e recupero crediti) si deve rivolgere direttamente ad Edison oppure chiamare il numero verde 800 166 654.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.