Ornella De Bellis

Diciamo che i suoi genitori non dovranno rispondere dei debiti contributivi e fiscali da lei accumulati nel corso della sua attività professionale.

L'unica conseguenza indiretta per i suoi cari potrebbe derivare da un pignoramento presso la residenza del debitore effettuato da Equitalia. Si tratta di un'azione esecutiva basata sulla presunzione legale di proprietà: tutto quanto presente nella residenza, o domicilio, del debitore si assume essere di proprietà del debitore.

Tuttavia va anche aggiunto che il pignoramento presso la residenza del debitore viene eseguito solo quando il debitore dimora in una casa di pregio, laddove è ragionevole attendersi di trovare beni di valore (opere d'autore, arredi di antiquariato, argenteria, gioielli ecc.).

Nel momento in cui lei ereditasse, il creditore potrebbe espropriarle i beni ereditati. Se lei rinunciasse all'eredità, il creditore potrebbe chiedere al giudice di sostituirsi a lei nel rilevare la massa ereditaria fino al soddisfacimento del debito.

Molto difficile che le pendenze fiscali e contributive vadano in prescrizione, con ciò intendendo che, chi per il creditore agisce (nello specifico Equitalia), possa omettere di notificare, in un periodo decennale di persistente insolvenza degli adempimenti a cui è chiamato il debitore, un atto di interruzione dei termini di prescrizione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.