Simone di Saintjust

Nel caso ipotizzato non ci sarebbe capienza per un ulteriore prelievo a favore di Equitalia, dal momento che l'importo complessivo di pignoramenti concorrenti - per crediti di natura ordinaria (banche, finanziarie e privati), esattoriale (Equitalia e concessionarie degli enti locali) ed alimentare (coniuge separato, figli e parenti in stato di indigenza) - non può superare la metà dello stipendio netto percepito dal debitore esecutato.

Nel contesto di cui si discute, infatti, al coniuge separato viene corrisposta una cifra che già supera la metà della retribuzione netta percepita dal debitore (ed è anche il motivo in base al quale il prelievo di 900 euro, destinato al coniuge separato, non potrà essere considerato dal giudice equivalente ad un pignoramento).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.