Lilla De Angelis

Com'è noto, i soci di una società in nome collettivo rispondono illimitatamente e solidamente con tutto il patrimonio personale.

Lei può sicuramente aprire un altro conto corrente che, per quanto appena scritto, può essere pignorato dal creditore procedente.

Quando per la soddisfazione del creditore procedente i beni assoggettati a pignoramento appaiono insufficienti ovvero per essi appare manifesta la lunga durata della liquidazione, il debitore può essere invitato ad indicare ulteriori beni utilmente pignorabili, i luoghi in cui si trovano ovvero le generalità dei terzi. L'omessa o falsa dichiarazione è sanzionata penalmente.

Il creditore può chiedere al Tribunale l'autorizzazione ad accedere ai dati contenuti nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni e, in particolare, nell'anagrafe tributaria, compreso l'archivio dei rapporti finanziari, nel pubblico registro automobilistico e in quelle degli enti previdenziali, per l'acquisizione di tutte le informazioni rilevanti per l'individuazione di cose e crediti da sottoporre ad esecuzione, comprese quelle relative ai rapporti intrattenuti dal debitore con istituti di credito e datori di lavoro o committenti.

Evidentemente, può anche assumere un investigatore privato per ricercare i beni del debitore da assoggettare a pignoramento.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.