Genny Manfredi

A suo marito il creditore doveva notificare un precetto, prima di avviare la procedura pignoramento del quinto dello stipendio presso il datore di lavoro. Nella vicenda, tuttavia, l'azienda è incolpevole in quanto esegue solo un ordine imposto dal giudice.

La prima cosa da fare è rivolgersi all'amministrazione dell'azienda per sapere almeno chi è il creditore che beneficia del prelievo forzoso. Se, dopo le informazioni acquisite ancora non si riesce a dare una giustificazione all'evento, allora non resta altro da fare che contattare un avvocato e presentare, in Tribunale, opposizione all'esecuzione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.