Giovanni Napoletano

Il notaio dovrebbe spiegare all'acquirente che l'azione revocatoria dell'atto di compravendita dell'immobile è inammissibile se il terzo compra a prezzo di mercato; se non c'è relazione di parentela o affinità fra chi compra e chi vende; se il passaggio di denaro è trasparente e documentato (non c'è dissimulazione); e se l'immobile acquistato è adibito ad abitazione principale dell'acquirente (deve eleggervi residenza chi compra oppure il suo coniuge o i figli).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.