Simonetta Folliero

Se la banca certifica sull'assegno la mancanza di copertura è assai difficile che sul conto corrente ci sia stata la disponibilità sufficiente. Anche perchè, in tale evenienza, il debitore deve provvedere al pagamento tardivo (entro 60 giorni) dell'importo facciale (gravato da penalità ed interessi) se non vuole incorrere nella segnalazione in CAI con contestuale revoca di sistema (impossibilità ad emettere assegni per ulteriori sei mesi).

La banca si esporrebbe a gravi conseguenze per il risarcimento danni in caso di errore. Che, comunque, va dimostrato.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.