Marzia Ciunfrini

L'articolo 164-bis del codice di procedura civile, sull'infruttuosità del'espropriazione forzata, è stato introdotto dalla legge 162/14 (art. 19) e dispone che quando risulta che non è più possibile conseguire un ragionevole soddisfacimento delle pretese dei creditori, anche tenuto conto dei costi necessari per la prosecuzione della procedura, delle probabilità di liquidazione del bene e del presumibile valore di realizzo, è disposta la chiusura anticipata del processo esecutivo.

Purtroppo, la norma è applicabile solo ai processi esecutivi avviati dopo l'11 novembre 2014 e non a quelli già in essere a tale data e, pertanto, non può essere invocata in fasi della procedura che si riferiscono comunque ad azioni esecutive avviate prima dell'entrata in vigore della legge che l'ha introdotta.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.