Annapaola Ferri

Mi spiace, ma il cosiddetto condono (o la sanatoria) delle cartelle esattoriali di importo uguale o inferiore a 300 euro si riferisce, in realtà, all'importo iscritto a ruolo per il singolo creditore e rivelatosi, negli ultimi tre anni non esigibile.

In pratica chi ha un debito complessivo con Agenzia delle entrate o Comune o Regione, o Inps ecc., inferiore o uguale a 300 euro e gli è stata notificata una cartella esattoriale che Equitalia, nel corso degli ultimi tre anni, non è riuscita a riscuotere, può sperare che il creditore (come la legge gli consente per motivi di economia) rinunci a riaffidarne il recupero all'esattore.

In questo consiste il condono. Ma l'importo deve essere complessivamente uguale o inferiore ai 300 euro per ciascun creditore e risultare inesigibile negli ultimi tre anni (se il debitore ha accettato la rateazione, il credito non è più inesigibile).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.