Ludmilla Karadzic

Per evitare equivoci, nel prosieguo indicheremo come "casella postale" il servizio offerto da Poste Italiane e come "cassetta postale" quella classica ubicata negli androni condominiali o adiacenti al portone d'ingresso di casa.

All'ufficio postale avrebbero dovuto dirle che per per le comunicazioni connesse alla notifica degli atti giudiziari e per gli atti tributari, il servizio "casella postale" non è utilizzabile, dal momento che è necessaria la firma del destinatario o dei soggetti per legge legittimati a prendere in consegna tali comunicazioni.

Quello che presumo sia avvenuto è che il postino si sia recato al suo indirizzo di residenza e, constatata l'irreperibilità del destinatario, abbia lasciato nella cassetta postale dell'abitazione (o infilato sotto la porta di casa) l'avviso di giacenza dell'atto presso l'ufficio postale. Così prescrivono le normative inerenti la notifica degli atti a mezzo posta.

Decorsi 10 giorni di giacenza dell'atto (che, ripeto, non può essere inserito nella casella postale offerta a pagamento da Poste Italiane) senza che il destinatario abbia provveduto a ritirarlo (previa sottoscrizione della ricevuta) la notifica si intende comunque correttamente notificata.

Può anche darsi che il postino abbia puntualmente cestinato le cartelle esattoriali a lei destinate, com'è spesso accaduto e riportato dai fatti di cronaca. Ma, ahimé, per supportare una tale ipotesi è necessaria una querela di falso.

Per evitare di continuare a discutere del sesso degli angeli, quello che può fare è portarsi negli uffici della sede di Equitalia territorialmente competente e chiedere, con accesso agli atti com'è suo diritto, copia delle ricevute di notifica (relate di notifica).

Se il postino ha annotato l'irreperibilità del destinatario presso la propria residenza e il deposito dell'atto in giacenza, c'è ben poco da fare.

Altrimenti, proponga un nuovo quesito, basato su circostanze concrete, e cercheremo di aiutarla.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.