Roberto Petrella

Le e-mail non hanno alcun valore legale e lei potrebbe non averle ricevute. La situazione, pertanto, resta cristallizzata a quanto già discusso in altri post.

Il dentista deve inviarle, entro tre anni dalla data in cui è stato effettuato l'ultimo intervento (se si tratta di più prestazioni correlate), una formale raccomandata AR in cui richiede il pagamento dell'onorario.

Solo allora, nel caso in cui lei si ostinasse a non pagare, potrebbero aver inizio le procedure legali di recupero del credito, che si sostanziano, normalmente, nel pignoramento dello stipendio o del conto corrente, se il debitore ne ha uno.

Di certo, se è questo che la preoccupa, lei non finirà in galera per non aver pagato il dentista, né quest'ultimo potrà richiederle indietro eventuali protesi già impiantate.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.