Ludmilla Karadzic

Com'è noto, nella dichiarazione dei redditi possono essere detratti gli interessi passivi e gli oneri accessori per mutui ipotecari contratti per l'acquisto di immobili adibiti ad abitazione principale.

Per abitazione principale si intende quella nella quale il contribuente o i suoi familiari dimorano abitualmente.

In caso di separazione legale, anche il coniuge separato, finché non interviene l'annotazione della sentenza di divorzio, rientra tra i familiari.

In caso di divorzio, al coniuge che ha trasferito la propria dimora abituale spetta comunque la detrazione per la quota di competenza, se nell'immobile hanno la propria dimora abituale i propri figli.

Per quanto riguarda le agevolazioni "prima casa" esse si perdono (con la necessità di versare le imposte “risparmiate”, gli interessi e una sanzione del 30% dell'imposta stessa) se:

  1. l'abitazione è venduta o donata prima che siano trascorsi cinque anni dalla data di acquisto;
  2. non venga trasferita la residenza nel Comune ove è situato l'immobile entro diciotto mesi dall'acquisto.

Non sono contemplate, fra le norme che comportano la perdita del beneficio, il trasferimento della propria residenza altrove decorsi i diciotto mesi, nè l'assegnazione della casa al coniuge separato in virtù di un provvedimento giudiziale o di un accordo omologato dal Tribunale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.