Ludmilla Karadzic

Tutto dipende dall'entità del debito: se ne vale la pena, il creditore può decidere di anticipare i costi (a fondo perduto) per la ricerca di eventuali beni intestati al debitore, o alla moglie di questi in comunione dei beni, nei loro rispettivi paesi di origine.

Quindi, se l'azione esecutiva sui beni eventualmente individuati consente di prevedere ragionevolmente il recupero, anche parziale, del credito vantato, la pratica vene affidata ad uno studio legale operante in loco.

Naturalmente, una tale procedura di recupero crediti all'estero, diventa di assai difficile realizzazione se il debito, pur rilevante, è frazionato fra più creditori.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.