Giuseppe Pennuto

Dubito che Equitalia possa accogliere un'istanza di sospensione, non ricorrendone i presupposti.

In base alla normativa vigente, infatti, Equitalia è obbligata a sospendere immediatamente ogni iniziativa, finalizzata all'incasso delle somme iscritte a ruolo o affidate, se il debitore presenta una dichiarazione con la quale documenta che l'atto emesso dall'ente creditore è interessato da:

  1. prescrizione o decadenza del credito (intervenuta prima della data in cui il ruolo è reso esecutivo);
  2. provvedimento di sgravio emesso dall'ente creditore;
  3. sospensione amministrativa o giudiziale;
  4. sentenza di annullamento, totale o parziale, emessa in un giudizio al quale l'agente della riscossione non ha preso parte;
  5. pagamento in favore dell'ente creditore, effettuato prima della formazione del ruolo;
  6. qualsiasi altra causa di non esigibilità del credito.

La via maestra per ottenere la riduzione degli interessi semestrali applicati alle sanzioni amministrative, non oblate nei termini, è quella di impugnare, innanzi al GdP in veste di giudice dell'esecuzione, la cartella esattoriale che li esige.

Con il rischio, sempre incombente e di cui bisogna avere consapevolezza, di essere poi costretti ricorrere per Cassazione e subire le conseguenze economiche di una sempre possibile inversione di rotta della giurisprudenza di legittimità sulla questione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.