Ludmilla Karadzic

Con cadenza triennale, Equitalia e gli agenti della riscossione designati dagli enti locali, dovrebbero inviare all'ente creditore un report, con l'indicazione delle somme che non è stato possibile riscuotere.

Tuttavia, questo controllo triennale non è mai stato effettuato, ci sono state, nel tempo, numerose proroghe e, allo stato, giace un rilevante numero di cartelle esattoriali arretrate da smaltire.

La Camera dei Deputati, per dar modo di concentrare gli sforzi dell'attività di riscossione sui debiti iscritti a ruolo di maggiore consistenza, aveva approvato un emendamento alla legge di stabilità proponendo il differimento dei controlli relativi alle cartelle esattoriali di importo inferiore ai 300 euro.

Ciò si sarebbe rivelato in pratica, in riferimento soprattutto alle cartelle esattoriali originate da multe, che hanno una prescrizione quinquennale, come una sanatoria.

La proposta, tuttavia, non è stata recepita dalla legge in sede di approvazione finale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.