Chiara Nicolai

Strani giocattoli, davvero, queste srl unipersonali: pur essendo riconducibili, come dice il nome stesso, ad un unico specifico soggetto fisico (nessuna società, pertanto) pur sempre si tratta, giuridicamente, di società di capitali e non di persone.

In questo senso la responsabilità patrimoniale del soggetto fisico, che ne possiede tutte le quote, resta ben distinta da quella del soggetto giuridico.

E, quindi, se Pinco Pallino mette su una srl unipersonale e quest'ultima riesce ad accumulare qualche debito senza fornire ulteriori garanzie e fideiussioni terze, il creditore della società a responsabilità limitata unipersonale non può aggredire i beni intestati a Pinco Pallino, ma deve escutere la società.

E, può senz'altro farlo pignorando il conto corrente della società. Su questo non ci piove. Indipendentemente dalla circostanza che la società sia costituita all'estero o in Italia.

E, dunque, qual è il vantaggio di costituire una srl unipersonale all'estero? Non certamente quello di disporre di un conto corrente all'estero che chiunque, oggi, anche l'amministratore ed unico socio della srl unipersonale costituita in Italia, potrebbe aprire utilizzando il pc di casa (anche con lo smart o il tablet, in verità, sebbene con qualche disagio in più - della tastiera classica a volte non se ne può fare a meno).

Il conto corrente all'estero è più difficile da pignorare, certo, anche se poi tutto dipende dal credito in gioco. Ma non si tratta, evidentemente, di una facility propria della società srl unipersonale costituita all'estero.

Restano allora, forse, i vantaggi fiscali. Ma, il vero motivo per cui può potrebbe essere utile aprire una srl unipersonale all'estero è un'altra. Se il socio unico della srl unipersonale Pinco Pallino dovesse acquisire (o avesse acquisito in passato) una marea di debiti come soggetto fisico (cioè come Pinco Pallino e non come amministratore e socio unico della srl unipersonale), i creditori potrebbero aggredire le quote della "società" di cui egli è (unico) proprietario. Se la srl fosse patrimonialmente florida e gravida di profitti, i creditori di Pinco Pallino avrebbero fatto "Bingo!".

Le cose, in un tale contesto, diventano più difficili se la srl unipersonale di Pinco Pallino è stata costituita all'estero ...

Per venire alla risposta che ci si chiede (ci scusi, ma dobbiamo pur cercare di aumentare il tempo di rimbalzo del sito) la banca può pignorare le quote della srl unipersonale intestate al debitore (sempre che ne valga la pena) o il conto corrente del debitore, ma non il conto corrente della società di proprietà del debitore (peraltro, pignorando ed espropriando le quote societarie del debitore le disponibilità in conto corrente della società entrerebbero comunque nel possesso della banca) dal momento che la responsabilità patrimoniale del debitore e della srl unipersonale sono formalmente (anche se non sostanzialmente) distinte.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.