Giorgio Martini

La risoluzione di un contratto di fornitura di energia va effettuata formalmente, con raccomandata AR, allegando anche la foto del contatore con l'indicazione dei consumi al momento della richiesta.

Adesso, potrà solo tentare di raggiungere un accordo bonario con il nuovo inquilino, attraverso la mediazione del padrone di casa, se questi era a conoscenza degli effettivi consumi segnati dal contatore al momento in cui ha lasciato l'appartamento.

Del resto, può far notare al nuovo inquilino che se lei non paga, verrà, prima o poi, effettuato il distacco delle forniture.

In ogni caso le suggerisco di provvedere formalmente alla risoluzione del contratto a lei intestato.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.