Annapaola Ferri

La pensione dei genitori del debitore può essere pignorata solo se i genitori hanno prestato garanzia in favore del figlio o sono coobbligati, nel senso che hanno chiesto il finanziamento insieme al figlio, sottoscrivendone il contratto.

E, comunque, la pensione può essere pignorata, fino al massimo del 20% del rateo mensile netto, solo per l'importo eccedente il minimo vitale, pari a circa 500 euro mese.

In ogni caso, andrebbe escusso prima il debitore principale, cioè il figlio.

Ad ogni modo, invece di chiedere a destra e a manca piani di rateazione del debito che non le vogliono accordare pur in presenza di una situazione di reale difficoltà economica, io, al suo posto, smetterei di pagare tutti i creditori.

Tutti quanti messi assieme (la banca e la finanziaria che le ha concesso la sospensione) se vogliono rientrare del credito, dovranno accontentarsi del 20% del suo stipendio.

Se guadagna meno di 3 mila e 750 euro al mese (il cui quinto è pari a 750 euro, cioè l'importo totale delle rate che mensilmente dovrebbe pagare) il pignoramento dello stipendio le conviene, e, cosa più importante, non dovrà chiedere favori a nessuno.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.